“Per amore non tacerò”: il sacrificio di don Diana – con articoli

Il Liceo Filzi di Rovereto  ha partecipato all’iniziativa promossa dal Comitato don Peppe Diana “Per Amore del mio popolo non tacerò, 25 anni dall’uccisione di don Peppe Diana”, per ricordare il sacrificio di don Giuseppe Diana. Il barbaro assassinio di don Giuseppe Diana da parte della camorra avvenuto il 19 marzo 1994 nella sua chiesa, mentre si accingeva a celebrare messa, è stato un atto con il quale la criminalità organizzata ha dimostrato di non avere limiti alla crudeltà e ferocia utilizzata per soggiogare le persone e i territori. Un gesto che oltre a generare la morte di una persona rappresenta tuttora la violazione della sacralità, della fede e del culto; un simbolo dell’apice cui può giungere la barbarie umana.
Il Liceo Filzi promuove un incontro con gli studenti per celebrare la memoria e l’impegno civile di don Peppe Diana per non dimenticare il messaggio contenuto nel documento contro la camorra “Per Amore del mio popolo”, scritto nel 1991 insieme ai sacerdoti della Forania di Casal di Principe; un messaggio di rara intensità e, purtroppo, di grande attualità. Il documento oltre a rappresentare un atto di denuncia del potere della criminalità organizzata incita la popolazione a non tacere e ad una presa di posizione netta nei confronti del male pretendendo un cambiamento.
Ricordare il sacrificio di don Giuseppe Diana significa non solo ricordarlo per quello che era, ma soprattutto testimoniare quotidianamente il suo messaggio d’impegno civile, di lotta alla criminalità organizzata, di costruzione di giustizia sociale e di creazione di ponti tra persone e territori diversi nella consapevolezza che la criminalità organizzata è un problema che interessa tutti: Istituzioni e cittadini.

Ecco i link agli articoli apparsi sulla stampa locale:

Una settimana tra i beni confiscati alla camorra  – Trentino 29 gennaio ’19
Mafia, Filzi ricorda don Peppe – L’Adige 29 gennaio ’19

 

Qui sotto la locandina dell’evento: